MIDA 2019: l’83° Mostra internazionale dell’Artigianato invade Firenze


Dal 24 aprile al 1 maggio torna la manifestazione dedicata alle eccellenze manifatturiere toscane (e non solo). Un omaggio al bello e al fatto a mano. E, soprattutto, alla creatività

Oltre 55mila metri quadrati di creatività. Otto giorni – dal 24 aprile al 1° maggio – per percorrerli tutti. MIDA 2019, l’83° Mostra Internazionale dell’Artigianato, non è una semplice fiera.

È un viaggio nel cuore dell’artigianato fiorentino e toscano – e non solo -, delle sue eccellenze e innovazioni. Un’occasione unica per andare alla scoperta del bello e del fatto a mano in una città che, per sua storia e vocazione, è da sempre emblema della creatività made in Italy. Un’opportunità per cogliere le competenze manifatturiere del territorio, per poi valorizzarle.

Competenze ed eccellenze, in questo caso, di 600 aziende. Tanti  saranno, infatti, gli espositori presenti alla Fortezza da Basso, la location principale dell’evento. Un numero volutamente limitato per tener fede al criterio della qualità e attrarre un pubblico qualificato, non solo italiano ma anche internazionale.

Tante le novità di quest’anno, in primis due mostre all’interno della manifestazione. La prima – Firenze su misura: Wunderkammer – si ispira ai solidi platonici di Leonardo e prevede l’allestimento, in sei stanze, di opere iconiche di 60 maestri artigiani che lavorano a Firenze. Un’occasione per ammirare le eccellenze locali con video-documentari ma anche lavorazioni in diretta.

La seconda, invece, si intitola Le sette meraviglie della Toscana e porta a MIDA una selezione di creazioni uniche, realizzate da qualificati maestri artigiani locali e suddivise in sette sezioni: alabastro, ceramica, bronzo, marmo, oro, coltelleria e tabacco. Non manca un ampio spazio riservato ai giovani e all’innovazione tecnologica con un’area – I nuovissimi -, incentrata sui maker e sull’artigianato digitale.

È al padre della Gioconda – quest’anno ricorre il 500esimo anniversario della sua morte – che è dedicata, invece, l’iniziativa Dal Mestiere di Leonardo: immaginare, progettare e realizzare il futuro: tre giornate (25, 27 e 29 aprile) con incontri, tavole rotonde e laborati sul legame tra disegno e fare, design e artigianato, braccio e mente.

Continua a leggere su Corriere.it

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *