Mercatini di Roma: Porta Portese


La nostra rassega dei oggi ci conduce a Porta Portese, uno dei mercatini di Roma per eccellenza, vivace, bizzarro e caotico

Nato intorno al 1945 come sede della famigerata “borsa nera“, diviene un mercato ufficiale solo nel dopoguerra. E’ a questo punto che diviene il luogo per eccellenza dove trovare qualunque cosa, “dalla pillola al Jumbo Jet” si diceva un tempo.
Caotico e a tratti multietnico, Porta Portese è uno dei luoghi più famosi e bizzarri d’Italia, con un’offerta che va dall’antiquariato ai cosmetici.

Purtroppo non mancano merci taroccate, che rovinano lo spirito del mercato, ma il luogo rimane molto iconico anche per queste sue anomalie.

Come in ogni mercato che si rispetti, è possibile contrattare sul prezzo della merce, un tratto che ha in comune con Via Sannio, con cui condivide anche molti “bancaroli”.

Gli ambulanti acchiappano i passanti e li dirigono verso le loro bancarelle con le chiacchiere, riuscendo a riempire di merci anche chi si reca a Porta Portese per pura curiosità.

Si tratta di un mercato domenicale, aperto dalle 6:00 del mattino fino alle 14:00.

Nonostante sia molto iconico, il Mercato di Porta Portese è anche un luogo molto degradato, dove stare sempre attenti ad eventuali borseggiatori e truffatori. Tant’è che, come per via Sannio si sta ragionando sulla possibilità di riqualificarlo.

Molti scrittori, cantanti e registi hanno considerato questo mercato una fonte di ispirazione. Basti pensare al brano di Baglioni “Porta Portese” o a film come “Ladri di Biciclette“.

Insomma un luogo da visitare almeno una volta nella vita, ma con gli occhi bene aperti e la mente ancora più aperta.

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *