Mercatini di Roma: Piazza San Cosimato


E’ uno dei mercati più storici di Roma: quello di Piazza San Cosimato a Trastevere. Ripercorriamone i banchi e la storia.

Quella del mercato di Piazza San Cosimato a Trastevere è una storia che inizia agli albori del Novecento, la sua prima apparizione ufficiale pare che sia datata 1913.

Da allora ha attraversato indenne due guerre mondiali e svariate crisi economiche, senza però perdere le caratteristiche di autenticità che lo rendono il mercato di Trastevere per eccellenza.
Tutt’ora alcuni dei commercianti discendono dai primi venditori e ne hanno ereditato i banchi di frutta, verdura, formaggi e carni.

Trasteverini e turisti ne fanno spesso una tappa d’obbligo, per fare spese o semplicemente per passeggiare in un ambiente caratteristico.

Come molti altri mercati rionali, anche questo ha avuto i suoi problemi, in particolare il suo spostamento in piazza Mastai per due anni a causa di lavori di riqualificazione che per lo più hanno lasciato perplessi i trasteverini.

Un altro scorcio sul mercato di Piazza San Cosimato

Si tratta di un luogo ancora colmo di spontaneità, per uno shopping dal ritmo lento ed esperienziale. La sua dimensione relazionale emerge anche dalle molte recensioni positive, postate dagli acquirenti su Trip Advisor, dalle quale si può sentire il sapore genuino di questo luogo verace.

Le poche critiche sono per lo più indirizzate alla struttura attuale della piazza, frutto dei già citati lavori, che l’hanno resa parzialmente dissestata. Una problematica forse risolvibile con qualche nuovo intervento.

Tra i banchi troviamo eccellenze alimentari, frutta laziale, fiori e carni dalla campagna romana. Il banco più antico è probabilmente la pescheria da Menelik, sulla piazza fin dagli anni Venti. Non manca uno spazio dedicato ai libri usati, né uno dedicato ai nostri amici a quattro zampe, con cibo di qualità.
Si tratta di uno dei più degni eredi della tradizione rionale, che speriamo continui a conservare la sua unicità, pur andando incontro al turismo.

 

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *