Made in Italy: piccole imprese in testa, ma frenate


L’Assemblea 2019 di Confartigianato fa il punto sulla situazione: le piccole imprese sono il motore del made in Italy. Ma troppi freni ne bloccano la corsa.

L’Assemblea di Confratigianato si è ormai conclusa ed è tempo di tirare le somme. Un rapporto presentato durante l’incontro mostra che le piccole imprese artigiane hanno ingranato una buona marcia. Con 4,4 milioni di aziende e 10,8 milioni di addetti, le imprese del made in Italy cercano la ripresa con numeri di tutto rispetto.

Nel 2018 il tasso di natalità delle piccole imprese artigiane era molto alto, circa 308 al giorno, una serie i nuove nascite che ha ingrossato anche le esportazioni. L’artigianato italiano ha portato sui mercati internazionali ben 127,3 miliardi di prodotti, un record meritato grazie all’eccellenza.
Anche la produttività cresce ad un buon ritmo, si parla di un tasso che corrisponde a più del doppio di quello della Germania. Eppure le battaglie quotidiane degli artigiani non sembrano essere divenute meno dure.

Le persone all'ingresso della sede di Confartgianato

Secondo Confartigianato, i piccoli imprenditori combattono ancora con mille vincoli e zavorre, a partire da una tassazione più alta della media europea, sia sui prodotti che sul lavoro.
Anche l’energia è un costo che mette a rischio le imprese, con un gap di ben 1,5 miliardi in più rispetto al resto dell’Europa.
C’è poi anche da considerare la bestia nera contro la quale tutti i piccoli imprenditori si accapigliano: la burocrazia. Tra lungaggini e complessità varie, un piccolo imprenditore è oggi Teseo nel Labirinto.

Per quanto sia paradossale la situazione,questa evidenzia anche un dato che ci fa molto piacere: le piccole imprese artigiane crescono nonostante tutto questo. Basterebbe allentare di poco i freni per permettere a questo settore d’eccellenza dell’economia italiana di decollare.

Noi di Roma Artigiana e Creativa sicuramente speriamo in una svolta in questo senso e crediamo nella capacità dei più “piccoli” di conquistare il mercato.

 

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *