L’Accademia di Belle Arti si rinnova e nasce Naba: moda, arte, design e media


Una nuova Accademia di Belle arti ha aperto il 2 aprile i battenti a Roma. Si chiama «Naba», come le iniziali del suo nome, educherà i giovani in moda, arte, design e media, ed è situata in via Ostiense, alla Garbatella

Un nuovo campus che occuperà un’area di circa 3.700 mq all’interno di due edifici storici di inizio Novecento, ristrutturati in modo da rispettarne la struttura architettonica, ma allestiti con un approccio innovativo.

Percorsi triennali ed inizio delle lezioni ad ottobre, ma per conoscere personalmente i docenti e tutti i corsi disponibili la nuova sede sarà aperta al pubblico il 6 aprile dalle ore 10 alle ore 15 con un «open day» inaugurale durante il quale sarà possibile visitare il campus e scoprire tutti i dipartimenti dell’Accademia per soddisfare le curiosità e trovare risposta a eventuali dubbi, grazie anche alla possibilità di partecipare a incontri formativi personalizzati.

I laboratori

Vi sarà un triennio in Fashion design, course leader Colomba Leddi; in Media design e Arti multimediali, course leader Vincenzo Cuccia; in Arti visive, direttore del dipartimento Marco Scotini e course leader Andris Brinkmanis; Triennio in Graphic design e Art direction, course leader Patrizia Moschella.

L’offerta accademica si completa con i corsi estivi, della durata di due settimane che si svolgeranno in tre differenti sessioni dal 24 giugno al 23 luglio nelle quattro aree didattiche, arricchendosi man mano per garantire un panorama sempre più ampio di proposte multidisciplinari.

Proprio in quest’ottica il campus sarà fornito di tutti gli strumenti che consentiranno agli studenti di esprimere al meglio la propria creatività, ospitando alcuni laboratori specialistici, attrezzati con apparecchiature moderne dove gli alunni potranno realizzare i propri progetti e affinare le proprie tecniche: il laboratorio di Fashion e Textile, con macchine da cucire industriali, presse, ferri da stiro, manichini e busti sartoriali; il laboratorio di Arti visive con tutto l’occorrente per stampa e incisione; il laboratorio di Illuminotecnica e quello di Grafica, con le migliori infrastrutture.

Continua a leggere su Roma Corriere

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *