L’affresco nascosto sull’Aventino


Dietro un’intercapedine nella Chiesa di Sant’Alessio all’Aventino si nascondeva un affresco del XII secolo, perfettamente conservato.

Quale può essere una delle più grandi soddisfazioni per un artigiano? Probabilmente veder resistere la propria opera nei secoli. Be’ se gli artisti che hanno creato l’affresco che se ne stava nascosto nella chiesa di Sant’Alessio all’Aventino, potessero visitare il nostro tempo, avrebbero questa soddisfazione.

Sono passati infatti circa nove secoli da quando questi uomini hanno realizzato questo dipinto, raffigurante Sant’Alessio in un mantello rosso e il Cristo pellegrino.

Due figure che secondo gli scopritori sono di una raffinatezza eccezionale. Ci era stato sottratto alla vista da un muro, eretto in tempi successivi per creare un’intercapedine. Solo adesso, grazie agli sforzi di Claudia Viggiani, storica dell’arte, lo riscopriamo.

La chiesa di Sant'Alessio all'aventino, dov'è stato trovato l'affresco

I colori sono ancora molto vivi e le scelte iconografiche fuori dal comune, un capolavoro nascosto insomma, che viene alla luce poco dopo la scoperta della Sala della Sfinge nella Domus Aurea.

Una caccia al tesoro

La scoperta è frutto di un’indagine durata anni, partita da una lettera degli Anni Sessanta in cui alcuni operai avevano già visto l’affresco durante dei lavori di consolidamento della torre campanaria. Gli operai però non nominavano la chiesa. Perciò in una caccia al tesoro degna dei libri di Dan Brown si è dovuti arrivare al luogo tramite indizi sparsi.

Al momento non possiamo ancora vedere quest’opera d’arte, ma è già in sicurezza grazie alla restauratrice Susanna Sarmati con la soprintendenza di Francesco Prosperetti e la direzione lavori di Mariella Nuzzo e Carlo Festa.
L’affresco finora scoperto è largo 90 centimetri e alto 4 metri, ma si tratta solo di una metà, il resto è ancora tutto da scoprire.

Chissà quali altri sorprese ci riserva la Chiesa sull’Aventino e Roma in generale, della quale a quanto pare, vediamo solamente una parte della bellezza.

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *