I nuovi artigiani sono giovani e laureati, li chiamano “Artigeni”


Una nuova figura destinata a cambiare il settore: sono i giovani laureati con un passato accademico che scelgono di diventare artigiani. Li chiamano “Artigeni”, uniscono lavoro manuale e competenze digitali. Un progetto nato a Milano racconta le loro storie

Mario è un fiorista creativo nel quartiere isola di Milano. Prima di approdare su quest’isola, lavorava in una grande azienda farmaceutica. Una laurea scientifica, un lavoro con prospettive di crescita, ma la sua scelta è stata di lasciare tutto questo per dedicarsi a un lavoro manuale, artigianale, con una certa dose di creatività.

Come lui, Elena ha abbandonato un lavoro, lei in una multinazionale americana, per dedicarsi alla pasticceria e aprire una piccola bottega di torte artigianali nel quartiere più colorato di Milano, Porta Venezia. Elena, originaria di Torino, ma innamorata professionalmente di Milano, racconta così questo cambiamento drastico: “Quello che mi piace di questa mia nuova vita è la possibilità di mettere la mia creatività in quello che faccio, sento che sto davvero facendo qualcosa di bello, di importante per me”.

Continua a leggere su Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *