Gucci ha annunciato che nei prossimi due anni restaurerà la Rupe Tarpea


Nel corso dei prossimi due anni, Gucci contribuirà al progetto di recupero della celebre Rupe Tarpea. Dopo Fendi e Bulgari è l’ennesimo intervento di un brand del’alta moda per conservare e proteggere il patrimonio culturale di Roma

Omaggio di Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, a Roma, la città dov’è nato nel 1972 e ha iniziato la sua carriera all’Accademia di Costume e Moda. Annunciata dalla maison fiorentina una sfilata-evento della collezione Cruise 2020 il 28 maggio prossimo nei Musei capitolini e un progetto di «mecenatismo alla moda» con cui Gucci si impegna nel recupero della Rupe Tarpea, la parete rocciosa posta sul lato meridionale del Campidoglio, a poca distanza dai Musei.

Non è stato ancora reso noto l’importo desinato a finanziare le opere su Roma, ma l’intervento si inserisce nel percorso che il brand ha intrapreso da tempo attraverso i luoghi dell’antichità.

Gucci ha annunciato una sfilata-evento della collezione Cruise 2020 il 28 maggio prossimo nei Musei capitolini

Dopo la sfilata della collezione Cruise 2019 fra le rovine di Arles, quella nei chiostri dell’Abbazia di Westminster a Londra e nella Galleria Palatina di Palazzo Pitti a Firenze, Gucci è andato in scena all’interno dei parchi archeologici di Pompei, Ercolano e Selinunte. E gli ospiti dell’ ultima sfilata a Milano nel febbraio scorso hanno avuto in omaggio una maschera ispirata alle sculture dell’antichità.

Per Gucci si tratta del primo intervento su Roma, protagonista, negli ultimi anni, di altri progetti di restauro da parte dei protagonisti della moda e del lusso che spesso hanno utilizzato quei luoghi come set per sfilate, eventi o campagne.

Nel 2016 Bulgari festeggiò la rinascita della Scalinata di Trinità dei Monti ( finanziata con un milione e mezzo di euro) e Fendi, che investì 2 milioni e 18mila euro per il restauro della Fontana di Trevi, organizzò una spettacolare sfilata sulle acque del monumento, resa possibile da una pedana trasparente in plexiglass.

Continua a leggere su Roma Corriere

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *