Gli imprenditori attaccano Virginia Raggi: “Contro il declino di Roma, pronti a scendere in piazza”


Le sette principali associazioni datoriali cittadine – Acer, Coldiretti, Confcommercio, Cna, Confesercenti, Federlazio e Unindustria – lanciano un grido di allarme, rivolto soprattutto alla sindaca Virginia Raggi e alla sua giunta. Una richiesta di attivare un piano “anti declino” che guardi allo sviluppo cittadino con l’orizzonte del prossimo decennio.

Roma è ferma, la città ha bisogno di cambiare passo ed è di fronte a un punto di non ritorno in cui bisogna prendere decisioni urgenti ed intraprendere azioni concrete.

E alla sindaca Virginia Raggi, inoltre, viene chiesto in tempi brevi un vero e proprio ‘piano anti-declino’. La richiesta non arriva dalle opposizioni, ma dalle più importanti associazioni imprenditoriali della Capitale. L’Acer, l’associazione dei costruttori edili, la Coldiretti, la Confcommercio, la Cna, la confederazione artigianato, la Confesercenti, Federlazio e Unindustria.

Per gli imprenditori bisogna “semplificare le procedure, sviluppare l’economia e aumentare l’occupazione, salvaguardare la coesione sociale”. In secondo luogo, secondo le associazioni, bisogna mettere in atto azioni che abbiano un’immediata ricaduta sulla città, come per esempio l’immediata riapertura delle tre fermate della Metro A, Repubblica, Barberini e Spagna.

Inoltre, hanno spiegato ancora nel corso di un incontro con la stampa, “bisogna garantire una manutenzione urbana e decoro degni della Capitale: a cominciare da un’azione risolutiva per la gestione del fenomeno degli ambulanti, proseguendo con la manutenzione dei parchi urbani, delle metropolitane e delle sue stazioni, nonché di strade, marciapiedi e piste ciclabili, per finire con il completamento dei tanti lavori avviati da anni. I prossimi mesi dell’amministrazione Raggi devono essere improntati a un evidente cambio di marcia, una vera e propria inversione di tendenza rispetto a quanto fatto finora”.

“Non escludiamo di scendere in piazza”

I rappresentanti delle imprese non escludono di scendere in piazza contro l’amministrazione capitolina: “Il degrado non è più tollerabile. Roma deve essere una priorità del Governo. Raggi come vuole essere ricordata, come sindaca che ha distrutto Roma o che l’ha rilanciata? Io penso che essendo molto intelligente coglierà questo messaggio”. .

Continua a leggere su Roma Fanpage

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *