Da Casalotti a Battistini in funivia, il progetto è concreto: l’opera costerà 110 milioni di euro


Roma Metropolitane ha pubblicato rendering e informazioni sull’infrastruttura: 4 chilometri in 18 minuti, sette le stazioni previste.

Dal capolinea della metro A di Battistini oltre il Grande Raccordo Anulare, verso la borgata di Casalotti, sospesi per aria sopra traffico e strade congestionate: prende forma il progetto della funivia Casalotti-Battistini, l’infrastruttura per la quale la Sindaca Raggi vorrebbe porre la prima pietra entro fine mandato, dunque per la metà del 2021. “

Funivia Casalotti Battistini: il percorso 

Un tracciato di 3,85 km con 7 stazioni, due attestamenti terminali e cinque intermedie: Battistini, Acquafredda, Montespaccato, Torrevecchia, Campus, Collina delle Muse/GRA e Casalotti/GRA. Tempo di percorrenza poco meno di 18 minuti, 17 e 34 secondi per la precisione. Questo quanto emerge dal rendering pubblicato da Roma Metropolitane.

La tipologia di impianto a fune adottata per il progetto è quella della “cabinovia ad ammorsamento automatico”: un impianto monofune di tipo aereo a movimento continuo che sgancia la cabina dalla fune traente/portante durante l’attraversamento delle stazioni, per consentire il passaggio nelle banchine a una velocità ridotta agevolando così l’imbarco e lo sbarco dei passeggeri.

In cabina tra Battistini e Casalotti 3600 persone l’ora

In base alle stime saranno circa 3600 a ora e per senso di marcia gli utenti che la funivia Casalotti Battistini potrà trasportare.

In termini di frequenza, le cabine entreranno nella stazione ogni 10 secondi nelle ore di punta. Le cabine ospiteranno 10 persone, con due file di 5 posti uno di fronte all’altro, i sedili saranno di tipo individuale e reclinabili per ospitare sedie a rotelle, biciclette o passeggini. Per soddisfare la richiesta di trasporto saranno utilizzate circa 200 cabine da 10 posti ognuna.

La funivia sorretta da 41 piloni

A sorreggere l’infrastruttura da Battistini a Casalotti 41 piloni con altezza compresa tra 15 e 36 metri: saranno costruiti in acciaio zincato e montati su un basamento in calcestruzzo armato di forma cilindrica, mentre le fondazioni saranno realizzate in opera su palificate.

Continua a leggere su Roma Today

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *