Civita Vive! – La presentazione


Il 20 luglio alle 11:30 l’Atelier di Civita di Bagnoregio ospita la presentazione di Civita Vive!

Lo chiamavano il paese che muore, perché nessuno pensava che un luogo arroccato su un colle, potesse sopravvivere oggi. Invece Civita vive!
Grazie ad artisti, artigiani e professionisti del cibo, Civita di Bagnoregio è ora una località turistica tutt’alto che morente. Per celebrare questa sua rinascita, il borgo organizza una serie di percorsi guidati alla sua scoperta: “Civita Vive!”.

Organizzato secondo lo storytelling, che coinvolge  i partecipanti nella narrazione di Bagnoregio, l’evento si avvarrà delle tecnologie più recenti per raccontare l’evoluzione del borgo.
A partire dall’App gratuita “Civita Vive!” che fornisce una mappa interattiva in cui ad illustrare i cinque luoghi più importanti del borgo, saranno cinque giovani protagonisti della sua rinascita.

Ma anche con la proiezione immersiva ospitata dall’Ateliér della cittadina, che mostrerà Civita di Bagnoregio com’era un tempo, ricostruendone la storia.

Civita Vive! Il logo

Anche le audioguide del Museo Geologico e delle Frane non saranno quelle di una classica visita guidata, ma consisteranno in un dialogo tra una giovane geologa e suo nonno, a sottolineare il legame tra scienza e memoria del territorio.

Quella di lunedì 20 luglio alle 11: 30 sarà la presentazione del progetto, realizzato grazie al Fondo POR-FESR 2014-2020 della Regione Lazio.

Interverranno, oltre al Sindaco Luca Profili e la Consigliera della Regione Lazio Marta Bonafoni, i rappresentanti delle aziende che hanno reso possibile “Civita Vive!”. Tra queste citiamo Orpheo Italia, Studio Colosseo, Hubstract, SBC Communic@tion, Associazione Geoteverina, Voice Professional Italy e Ophrys Systèmes.

Al termine della presentazione i partecipanti proveranno l’anteprima del percorso, volto a creare un turismo più consapevole.
Non mancherà anche una degustazione di prodotti locali promossa da aziende del territorio.

Una delle molte iniziative che celebrano la rinascita di luoghi che rischiavano di sparire e che rinascono grazie a giovani imprese artigiane.

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *