Ceramica artistica 4.0: il progetto di CNA


Fino al 16 settembre sono aperte le iscrizioni a Ceramica artistica 4.0, corso rivolto a disoccupati e inoccupati, che avvia alla professione artigiana.

In un periodo in cui l’artigianato cresce nonostante le immense difficoltà che gli vengono poste, non ci stupisce vederlo in prima linea contro la disoccupazione. Un progetto formativo dal titolo “Ceramica artistica 4.0”, organizzato da CNA Sostenibilità, nella zona del Viterbese, offre a ventisei disoccupati o inoccupati un corso che promuove l’entrata nel mondo del lavoro e l’integrazione tra tradizione artigiana e nuove tecnologie.

Si tratta di un progetto gratuito, realizzato grazie a Regione Lazio e dell’Unione Europea, che prevede anche una indennità di frequenza per i partecipanti.

Il progetto si compone di due linee formative: tredici partecipanti di ogni età potranno ottenere la certificazione professionale di “progettista ceramico 4.0“, al netto di 350 ore di corso, di cui 150 passate all’interno di una attività artigiana.
Altri tredici riceveranno la certificazione di “operatore della ceramica”, frutto di 600 ore di corso di 200 passate in azienda.

Entrambi i percorsi vedono 15 ore di consulenza individualizzata, per l’inserimento professionale o la creazione d’impresa.

Perché due percorsi? Il primo è rivolto a chi si occuperà di ideazione di prodotti  e prototipazione, mentre il secondo vuole offrire una visione integrata di progettazione, realizzazione e comunicazione del prodotto.

Un progetto che prosegue sulla scia del rilancio della ceramica artistica attraverso giovani opportunamente formati.

Per partecipare a Ceramica artistica 4.0 bisogna essere disoccupati o inoccupati, aver compiuto 18 anni, essere in regola con la scuola dell’obbligo e risiedere da almeno sei mesi nel Lazio.

Il corso si terrà a Viterbo, presso la sede di Cna Sostenibile, sarà possibile candidarsi attraverso il sito web fino al 16 settembre 2019.

Un’ulteriore opportunità di rilancio dell’artigianato in generale e dell’occupazione all’interno della Regione Lazio. Segno di un’Italia e di un’Europa che sa ancora investire sui giovani.

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *