Best Practices Awards 2019, dal sociale ai progetti innovativi. Mamma Roma premia i suoi figli migliori


La cerimonia di premiazione di “Mamma Roma premia i suoi figli migliori” nell’aula magna della facoltà di Architettura a Testaccio

Centinaia le persone che hanno preso parte alla cerimonia di premiazione del Roma BPA (Best Practices Award), giunto alla sua terza edizione e che ha lo scopo di valorizzare le realtà romane più virtuose mettendole in contatto con gli sponsor, chiamati a contribuire alla realizzazione dei loro progetti.

Quest’anno Roma BPA ha visto la partecipazione di più di 100 realtà partecipanti tra scuole, associazioni e singoli cittadini. Vincitori per la categoria “Roma Parla bene” i ragazzi di Romanima, per la categoria “Roma Coltiva bene” Humus Feroniae, per la categoria “Roma tvb” Roma Beni Comuni, per la categoria “Roma Innova bene” Equoevento, per la categoria “Roma si muove bene” il Teatro Verde con l’Apeteatro, per la categoria “Roma Accoglie bene” Romaltruista, per la categoria “Roma studia e cresce bene” il Liceo Gullace.

In tutto 34 i progetti finalisti che hanno ricevuto il sostegno per realizzare i propri progetti. “Una giornata emozionante e una boccata di ossigeno per la città – dice l’ideatore e presidente del premio Paolo Masini -. Il premio vuole riconoscere, sostenere e mettere in rete le tante realtà che tengono in piedi questa città. Lo facciamo grazie all’aiuto di imprese che ‘restituiscono’ ai quartieri della città parte dei loro utili in finanziamenti, beni o servizi. E’ la nostra idea di ‘città-comunità’ che in questi anni sta prendendo sempre più forma”.

Continua a leggere su Roma Today

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *