140 anni di Fassi: il concorso


Compie 140 anni la Gelateria Fassi, Palazzo del Freddo, che festeggia con un concorso letterario: “venivo da Fassi quando”.

La più antica gelateria di Roma decide festeggiare i suoi 140 anni con un bando di scrittura dedicato ai ricordi romani. Parliamo di “venivo da Fassi quando“, concorso organizzato dal Palazzo del Freddo per celebrarne la lunga storia.
L’idea è quello di scrivere racconti sulle esperienze avute nella storica gelateria, da 140 anni teatro di incontri, amori e tanti aneddoti.

Il bando è già online sul sito della Scuola di Scrittura Genius e vedrà i racconti migliori pubblicati in un libro. Per essere ammessi, i racconti dovranno rispettare il limite di 2500 battute e dovranno essere inviati entro il 15 gennaio 2020.

I ricordi legati al mio bisnonno Giovanni Fassi e alla gelateria sono numerosi – spiega l’amministratore delegato Andrea Fassie meritano di essere raccolti in un libro. Abbiamo lanciato l’idea sui social network nel mese di agosto e siamo stati molto colpiti dalla risposta dei romani, che hanno iniziato a scrivere online, ricordando i tempi che furono e rendendoci partecipi delle loro emozioni. Una selezione di racconti sarà pubblicata e i migliori tre saranno premiati: il primo con un viaggio gastronomico e culturale in Sicilia, regione di nascita di Giuseppina, mamma del mio bisnonno, e gli altri due con esperienze da vivere nella Capitale”.

Le celebrazioni per i 140 anni e le premiazioni si svolgeranno domenica 10 maggio 2020 e vedrà il primo classificato ricevere un viaggio gastronomico e culturale in Sicilia, regione di nascita di Giuseppina, mamma del fondatore Giovanni Fassi. Il secondo e il terzo potranno vivere delle esperienze culinarie nella Capitale.

Un modo sicuramente inusuale e comunitario di festeggiare i 140 anni di Fassi, sottolineando gli aspetti di incontro e i bei ricordi associati a questo posto.

Condividi con:


Lascia un commento

Connect with:




Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *